Un ringraziamento doveroso alla concessionaria Autoepi di Pescara, dove ho trovato professionalità e cortesia, che mi ha permesso di effettuare una lunga prova su strada della nuova Honda HR-V full hybrid.

Concessionaria Autoepi Pescara

Un SUV di medie dimensioni full hybrid, dotato di un sistema ibrido particolare, che merita di essere provato, per poterne apprezzare le peculiarità tecniche e dinamiche. La nuova Honda HR-V full hybrid, si esprime al meglio nei percorsi urbani, con consumi di benzina contenuti e nella guida in souplesse, anche in autostrada.

Panoramica

L’esemplare che ho provato era dotato di allestimento Advance, molto completo. All’attivo aveva circa 3.000 km e montava degli ottimi pneumatici Michelin Primacy 4 della misura 225/50 R 18. La vettura aveva una dotazione davvero importante. Apertura e chiusura elettrica (anche ritardata se si hanno le mani impegnate) del portellone posteriore, ADAS di 2° livello per la guida semiautonoma, accesso con Smart Key, retrocamera e sensori anteriori e posteriori utili per il parcheggio. Fari a led e fendinebbia a led, parabrezza deghiacciante e specchietti retrovisori riscaldabili e richiudibili con sistema di monitoraggio dell’angolo cieco. I cerchi in lega sono diamantati.

Nuova Honda HR-V e:HEV

Infotainment

Dietro al volante trova posto un bellissimo virtual cockpit, che fornisce tutte le informazioni di base e quelle relative al funzionamento del sistema ibrido. Le info sono personalizzabili dal guidatore. Nella parte alta della consolle centrale, trova posto uno schermo orizzontale da 9 pollici, tipo tablet, dal funzionamento facile ed intuitivo. Ha qualche tasto fisico, ma per la maggior parte delle funzioni è necessario usare lo schermo tattile, molto sensibile e veloce. Ben fatto il navigatore ed il cuore del sistema Honda Connect. La climatizzazione è affidata ad un climatizzatore automatico bizona, tra l’altro ci sono anche le bocchette per i passeggeri posteriori. Non mancano il bluetooth ed i comandi vocali, così come non manca Android auto ed Apple Carplay wireless. Audio con 6 altoparlanti, 2 porte USB frontali e 2 posteriori.

Cockpit Honda HR-V full hybrid

Ergonomia

Nel regolare la giusta posizione di guida, non ho avuto problemi, grazie alle numerose possibilità di regolazione del sedile e del volante (peccato che la regolazione dello schienale sia a scatti predefiniti). La posizione di guida è da SUV, un pò rialzata e col volante che rimane leggermente orizzontale rispetto al pavimento. Tutti i comandi sono a portata di mano. Il selettore del cambio è di tipo tradizionale, ovvero si aziona a scatti con movimenti longitudinali. C’è un pulsante di sblocco sulla parte anteriore del pomello, per evitare spostamenti non desiderati della leva.

Le poltrone anteriori hanno un’ampia seduta, comoda per tutte le taglie, forse solo le persone più esili avranno qualche problema di contenimento nelle curve più difficili. Il divano posteriore è per 3 persone, ma quello che sorprende è lo spazio per le gambe, che fa si che anche persone altissime non tocchino con le ginocchia gli schienali dei sedili anteriori. Il baule non è enorme, ma la forma è regolare e c’è solo un piccolo ma non fastidioso gradino, tra il battente del portellone ed il piano di carico. Comodo l’automatismo elettrico per l’apertura e la chiusura del portellone. Non c’è un gradino tra il piano di carico ed il piano creato nell’abitacolo, abbattendo gli schienali del divano posteriore. Comodo no?

Grazie ai magic seats, ovvero le sedute del divano posteriore che si sollevano fino a combaciare con gli schienali, è possibile caricare oggetti ingombranti.

Comodo il bracciolo centrale tra i sedili anteriori, che permette di stivare oggetti al suo interno. Come sono comodi i porta bottiglie tra la leva del cambio ed il bracciolo.

Scheda tecnica Honda HR-V e:HEV

  • Motore anteriore trasversale 4 cilindri in linea a benzina, ciclo Atkinson
  • Cilindrata 1498 cm3
  • Potenza 107 CV (79 kW) a 6.000 giri/min.
  • Coppia max 131 N m da 4.500 a 5.000 giri/min.
  • Iniezione diretta di benzina, 4 valvole per cilindro con 2 alberi a camme e variatore di fase con alzata variabile delle valvole d’aspirazione
  • Distribuzione a catena
  • Trazione anteriore e cambio monomarcia eCVT

Sistema ibrido

  • Schema in serie
  • Motore elettrico sincrono a magneti permanenti
  • Potenza 131 CV (96 kW)
  • Coppia max 253 N m
  • Batteria agli ioni di litio da 1.08 kWh

Potenza max del sistema 131 CV e 253 N m di coppia!

Dimensioni: lunghezza 4,34 metri, altezza 1,58 metri, larghezza 1,87 metri, passo 2,61 metri, massa 1.380 kg.

Prezzo di listino: 33.800 euro versione provata (Advance).

Sistema ibrido in serie e:HEV

Veniamo al cuore dell’Honda HR-V full hybrid. Ufficialmente il sistema ibrido e:HEV viene definito in serie, ma questa classificazione ritengo e non solo io, sia troppo riduttiva. Allora mi piace definire il sistema ibrido Honda, l’ibrido differente dalla concorrenza!

Nella tecnologia ibrida Honda troviamo racchiuse tutte le tipologie di ibrido conosciute. Allora perché la Honda lo definisce in serie? Molto semplice, perché la batteria agli ioni di litio, non può essere ricaricata da fonti esterne all’auto. Infatti viene ricaricata attraverso un generatore collegato al motore a benzina. Questa è l’unica caratteristica che rende il sistema ibrido Honda, definibile in serie.

Proprio così, infatti il sistema, attraverso una gestione elettronica di primo livello, riesce ad ottenere la massima efficienza, alternando continuamente il funzionamento dei tre motori di cui è dotata: il motore a benzina, il motore elettrico che genera energia elettrica per ricaricare la batteria al litio e un secondo motore elettrico, che dà trazione alle ruote motrici.

Il sistema si trasforma in un sistema ibrido range extender, quando la vettura si muove con la sola energia fornitagli dalla batteria al litio e si trasforma in un sistema ibrido parallelo, quando sia i motori elettrici che quello a combustione interna, s’incaricano della propulsione della vettura, lavorando insieme o alternandosi. Il tutto dipende dallo stile di guida, il tipo di strada e lo stato di carica della batteria.

Sistema ibrido Honda e:HEV

Le modalità di funzionamento del sistema ibrido e:HEV, sono 3:

  • Electric drive: 0/40 km/h. Per il 91% del tempo a zero emissioni (trazione elettrica)
  • Hybrid drive: 40/80 km/h. Per il 54% del tempo a zero emissioni (trazione elettrica)
  • Engine drive: 80/120 km/h. Per il 70% del tempo funzionerà il motore a benzina (trazione termica). Oltre i 120 km/h la modalità di funzionamento è 100% ibrida.

N.b.: La trazione è affidata sempre al motore elettrico, tranne quando si viaggia a velocità costante, tra gli 80 e i 120 Km/h. In questa fase una frizione, provvederà automaticamente a collegare il motore termico a benzina alle ruote.

Il passaggio avviene in modo impercettibile e completamente automatico. In partenza e fino a velocità extraurbane, la trazione è affidata al motore elettrico, salvo interventi del motore a benzina, per generare corrente immediata per alimentare il motore elettrico di trazione e per ricaricare la batteria al litio con la corrente che avanza.

A velocità autostradali costanti, sarà il motore a benzina a dare trazione alle ruote, salvo svolgere il ruolo di generatore di corrente (quindi, non più quello di dare trazione alle ruote) per il motore elettrico ed eventualmente per la batteria da 1.08 kWh. Il sistema fa tutto senza che chi guida si accorga di nulla e si fa fatica anche a cogliere ogni passaggio dalla grafica animata sul quadro strumenti. I passaggi avvengono spesso e velocemente.

Quando si spinge forte sull’acceleratore e si chiedono prestazioni importanti, allora sia il motore elettrico che quello endotermico entreranno in azione.

In decelerazione e frenata, l’Honda HR-V full hybrid, si comporterà come una vettura elettrica, ovvero grazie al recupero dell’energia cinetica in frenata, andrà a ricaricare la batteria al litio. La frenata rigenerativa è gestibile dai paddle dietro al volante o automaticamente mettendo la leva del cambio in posizione B. Chiaramente in questa fase, il motore termico si spegne.

Cambio eCVT Honda

In realtà il sistema ibrido Honda prevede l’utilizzo di un rapporto unico, quindi monomarcia. Questo perché il motore endotermico funziona da solo per brevi periodi e a velocità autostradali costanti, quindi non ha bisogno dell’aiuto del cambio per affrontare salite o accelerazioni, per quest’ultime corre in aiuto il motore elettrico, che ha coppia e potenza da vendere.

Grazie ad artifici software (dichiarazione di Honda Europa), il conducente ha l’illusione, durante le forti e prolungate accelerazioni di avere un cambio automatico CVT a variazione continua, con rapporti preimpostati. Video

Prova su strada

L’ottimo bilanciamento dei pesi, dà benefici effetti sull’handling della vettura. Il pacco batterie al litio è montato sotto al bagagliaio e il serbatoio della benzina sotto ai sedili anteriori.

La trazione anteriore non si percepisce, tanto è equilibrato il comportamento tra le curve. Si trova subito la corda della curva, senza incorrere in fastidiosi e pericolosi sottosterzi dinamici. Più che accettabile il rollio in curva ed il beccheggio in frenata, considerata la notevole altezza da terra.

Le sospensioni, sono ottime, tant’è che la vettura è confortevole anche sulle sconnessioni del manto stradale; sconnessioni che vengono perfettamente filtrate. Non si rilevano scricchiolii o rumori molesti all’interno dell’abitacolo, tranne il rombo del motore a benzina, quando si schiaccia a fondo l’acceleratore per un sorpasso.

Buona la frenata, che attraverso il pedale restituisce un buon feeling; cosa non da poco, visto che la frenata è una combinazione della frenata rigenerativa e di quella idraulica.

Lo sterzo è leggero in manovra e diretto quanto basta tra le curve. Poco comunicativo, ma questa è una caratteristica di tutti i comandi con servoassistenza elettrica.

L’abbinamento tra motore termico ed elettrico, permette di affrontare qualsiasi percorso, potendo contare su prestazioni sempre all’altezza. I sorpassi sono agevoli e la velocità di punta si raggiunge senza patemi d’animo.

Tra l’altro si può scegliere tra tre modalità di guida: Normal, Eco e Sport.

Conclusioni

L’Honda HR-V full hybrid con sistema e:HEV, è una vettura comoda, spaziosa e sicura. Adatta a chi vuole essere alla moda e vuole una mobilità attenta all’ambiente, grazie ai consumi contenuti. Non è difficile fare 20 km/l di media. Il suo terreno ideale essendo un ibrida è l’ambito urbano, dove grazie al sistema ibrido si guida in souplesse, consumando pochissimo carburante. Se si spinge molto sull’acceleratore i consumi salgono parecchio, soprattutto in autostrada.

Ma non è così che si guida quest’auto, mentre si guida con tranquillità e lasciandosi coccolare dal perfetto automatismo del sistema ibrido, che regala un’esperienza di guida appagante.

Leggi anche

Articolo precedenteFord Mustang Mach-E. Prova su strada!
Articolo successivoF1, Australia 2022. Tra Ferrari trionfante e porpoising!
Sono Emidio Paci e vivo tra le Marche e l’Abruzzo, da sempre sono appassionato di motori e da sempre seguo il mondo automotive, di cui posso dire di essere esperto. Sono un istruttore di guida sicura, la forma mentis che mi deriva dalla frequentazione dei corsi per diventare istruttore, mi permette di poter recensire un'auto, partendo proprio dalla dinamica di guida. Ho frequentato il corso per collaudatore di auto, presso la Driving Experience Academy di Loris Bicocchi e Davide Cironi proprio per affinare le mie conoscenze e per migliorarmi. Ho un attestato di e-mobility. Nel mio sito personale: www.tuttoautomotive.it metto a disposizione del lettore, tutta l’esperienza che ho acquisito negli anni, per offrire un viaggio completo nel mondo delle auto, attraverso un linguaggio semplice, chiaro e adatto a tutti, ma di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui