Continua la strada dell’elettrificazione anche per Honda, tant’è che da febbraio 2022, inizieranno le prime consegne del SUV Coupé compatto nuova Honda HR V 2021, rinnovato in tutto e per tutto, per un’esperienza di guida facile e coinvolgente per tutti i passeggeri.

Sarà un ibrido di serie e le caratteristiche tecniche di cui è dotato, lo mettono sotto i riflettori sin da subito. In attesa di provarlo, vi dò come antipasto, alcune nozioni sul funzionamento del sistema ibrido secondo Honda.

Cockpit nuovo Honda HR-V e:HEV

Honda dice no, al plug-in

Ebbene si, Honda in controcorrente rispetto ai competitors, non si affida alla tecnologia plug-in, ma ad una tecnologia ibrida che rappresenta il naturale sviluppo, del sistema Integrated Motor Assist (IMA) del marchio, che fu battezzato nel lontano 1999, sull’allora originale Honda Insight, rappresentando un primato mondiale nello sviluppo dell’ibrido.

Honda è convinta che un sistema ibrido vincente, debba basarsi essenzialmente sul funzionamento del motore endotermico e che il recupero dell’energia cinetica in frenata e l’assistenza del motore elettrico, debbano essere richiesti solo all’occorrenza.

1,5 litri a benzina, ciclo Atkinson, cambio eCVT e sistema ibrido e:HEV

La power unit, tanto per usare un termine di cui si “abusa” in Formula Uno, in cui Honda è leader, si compone di due potenti motori elettrici compatti collegati a un motore benzina a ciclo Atkinson (leggi qui cosa offrono il ciclo Miller e Atkinson) DOHC i-VTEC da 1,5 litri, una batteria agli ioni di litio e una innovativa trasmissione a cambio fisso con unità di controllo della potenza.

Sul nuovo HR-V, la potenza del propulsore e:HEV, raggiunge 131 CV (96 kW) e 253 N m di coppia.

Il sistema e:HEV del nuovo HR-V ha una densità di energia superiore che permette al propulsore di generare molta potenza. Il numero di celle nella batteria è stato aumentato del 25% per offrire una maggiore capacità di energia elettrica. Inoltre, l’unità di controllo della potenza (PCU), ora ridimensionata e integrata nel vano motore, è raffreddata ad acqua e non ad aria per una migliore gestione del calore. 

Anche il rapporto finale della trasmissione è stato ridotto per ottenere performance di guida migliori e la velocità si ferma a 170 km/h. L’accelerazione da 0 a 100 km/h è coperta in 10,6 s, i consumi calcolati nel ciclo WLTP sono di 5,4 litri per 100 km e i livelli di emissioni di CO2 si attestano su 122 g/km.

Nuovo Honda HR-V e:HEV

Tante modalità di funzionamento

Le modalità di funzionamento del sistema ibrido e:HEV, sono 3:

  • Electric Drive
  • Hybrid Drive
  • Engine Drive

Tutte si alternano o convivono sapientemente ed in modo completamente automatico, basandosi sul parametro legato all’efficienza dal punto di vista dei consumi, in base al tipo di guida.

Se si percorre l’autostrada, il sistema permetterà il solo funzionamento del motore termico (Engine Drive), ma se si ha bisogno di più potenza per affrontare un sorpasso, allora, interverranno anche i motori elettrici, per una propulsione ibrida (Hybrid Drive);sempre in questa modalità, quando è necessario ricaricare la batteria al litio, il motore endotermico fungerà da generatore di corrente.

La modalità di guida completamente elettrica (Electric Drive) in città, è garantita e superiore per percorrenza rispetto ad altri modelli ibridi senza la spina oggi in commercio, anche grazie alla presenza di un cambio ad ingranaggi fissi, che crea molto meno resistenza rispetto ad un sistema di ripartizione della potenza convenzionale con un riduttore epicicloidale, grazie al numero degli ingranaggi ridotti al minimo, in grado di consumare quindi, meno energia durante la guida in elettrico.

Modalità di guida SPORT, ECON e NORMAL

La modalità Sport, consente una risposta dell’acceleratore più pronta, mentre quella Econ, permette di risparmiare carburante, grazie alla sapiente regolazione del climatizzatore e della risposta dell’acceleratore. Non manca la modalità normale ovviamente, che fà un mix perfetto delle due modalità di cui sopra, ottimizzando il funzionamento del veicolo. La selezione delle modalità di guida avviene tramite un selettore.

Piacere di guida superiore

Quando si parla di Honda, anche se è un SUV compatto l’oggetto della conversazione, non si può non parlare di piacere di guida.

L’HR-V e:HEV full Hybrid, non tradisce la natura sportiva di Honda, adottando degli accorgimenti, che la rendono piacevole da guidare e sicura. Queste le parole d’ordine:

  • capacità dinamiche elevate
  • miglioramenti del telaio e sospensioni per aumentare il comfort, l’agilità e il piacere di guida
  • nuova piattaforma per assicurare maggiore rigidità della scocca

Sterzo e sospensioni migliorate

La rigidità e la resistenza alla torsione del piantone dello sterzo sono aumentate del 15%, per una maggiore fluidità nei cambi di direzione e per rendere l’ingresso in curva più diretto e preciso.

Anche la sospensione risulta più reattiva, con un attrito migliorato fin dal primo input al volante. A questo scopo è stato aumentato l’offset della molla per ridurre le forze laterali sull’ammortizzatore, che ora presenta anche un ridotto attrito interno. Tutto ciò, unito ai giunti sferici a basso coefficiente di attrito e alle boccole ottimizzate, offre un movimento più fluido e lineare.

Al posteriore, il design e la costruzione delle boccole stabilizzatrici sono stati modificati per migliorare il controllo delle ruote posteriori e il comfort di guida. Le boccole a liquido offrono straordinarie performance di smorzamento a bassa frequenza, per una migliore qualità di guida. Nella revisione del design della boccola, è stata aggiunta una flangia per ridurre il movimento laterale ed è stata disegnata una sede più sicura, che ha permesso di irrigidire ulteriormente la boccola per migliorare ancor di più il comfort.

Nuovo Honda HR-V e:HEV

Sistema AHA (Agile Handling Assist) di Honda

Il sistema AHA di Honda, lavorando insieme al sistema di controllo della stabilità, che in Honda chiamano VSA (Vehicle Stability Assist), nelle manovre d’emergenza e in curva, quando i trasferimenti di carico sono importanti, frena le ruote interne alla curva per un effetto torque vectoring coinvolgente, aiutando la vettura a voltare, neutralizzando il sottosterzo.

Non ci resta che provarla, ma dobbiamo aspettare Gennaio 2022!

Articolo precedenteL’auto elettrica non la vogliono. Sono i noBev!
Articolo successivoMotore elettrico integrato nelle ruote
Sono Emidio Paci e vivo tra le Marche e l’Abruzzo, da sempre sono appassionato di motori e da sempre seguo il mondo automotive, di cui posso dire di essere esperto. Sono un istruttore di guida sicura, la forma mentis che mi deriva dalla frequentazione dei corsi per diventare istruttore, mi permette di poter recensire un'auto, partendo proprio dalla dinamica di guida. Ho frequentato il corso per collaudatore di auto, presso la Driving Experience Academy di Loris Bicocchi e Davide Cironi proprio per affinare le mie conoscenze e per migliorarmi. Ho un attestato di e-mobility. Nel mio sito personale: www.tuttoautomotive.it metto a disposizione del lettore, tutta l’esperienza che ho acquisito negli anni, per offrire un’esperienza completa nel mondo delle auto, attraverso un linguaggio semplice, chiaro e adatto a tutti, ma di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui