Il Covid-19 oltre ad averci privato in parte della libertà, ha anche cambiato le nostre abitudini igieniche. Anche la sanificazione dell’abitacolo deve rientrare in questo cambiamento. Basti pensare a quanto spesso ci laviamo le mani, con acqua e sapone o gel idroalcolico, alla mascherina che indossiamo gran parte della giornata ed a tanti altri gesti, come la pulizia frequente con antibatterici, di quello che tocchiamo ed all’attenzione che rivolgiamo nei confronti dei nostri cari o degli sconosciuti. Alcuni di noi fanno tutto ciò, per senso civico o per paura di contrarre il virus pandemico o per obbligo, seguendo i numerosi DPCM del Governo.

La pandemia ci ha aperto gli occhi

Da tutto ciò, vien da sé una riflessione: ma perché, prima della pandemia, non eravamo così attenti e ligi alle regole igieniche di base? Perché non si pensava alla sanificazione dell’abitacolo? In fondo una scarsa igiene ci espone a tanti rischi, il Coronavirus, non è l’unica minaccia. A questi interrogativi, ognuno di noi darà la risposta che crede migliore, ma riferendomi al titolo, mi chiedo, perché l’abitacolo dell’auto non viene quasi mai considerato un ambiente a rischio? Penso ai lavoratori che usano i veicoli aziendali e che quotidianamente, si scambiano i mezzi con i colleghi; la leva del cambio, il volante, il pulsante per azionare il finestrino o quant’altro, potrebbero essere contaminati da qualsiasi virus o batterio. Lo stesso discorso vale per l’auto di famiglia usata da più componenti del nucleo familiare. E l’auto ripresa dal meccanico? Anche questa spesso non sanificata, la sanificazione è un optional a pagamento.

Regole igieniche di base

Questo testo, non ha nessuna ambizione, ma solo il mero scopo di invitare chi lo stà leggendo a fare delle riflessioni, con l’auspicio, che questa pandemia, non lasci solo una crisi economica profonda e morti premature, ma anche il ricordo delle regole igieniche di base, che devono coinvolgere anche l’abitacolo di un veicolo, per far si che quando il covid-19, sarà stato debellato, ognuno di noi con piccoli gesti quotidiani, possa vivere in ambienti igienici, abbassando così il rischio di nuove minacce future, che vanno da una semplice infezione o influenza stagionale a una nuova pandemia.

Non ci sono scuse, anche perché la scienza e la tecnologia ci vengono in contro, con apparecchiature e non solo, in grado di erogare prodotti sanitizzanti ed antibatterici, per tutte le esigenze, quindi ciò che manca è solo un cambiamento culturale che ognuno di noi è chiamato a fare.

Articolo precedenteBIOMETANO DA BIOGAS DA DISCARICA
Articolo successivoNuova Jaguar XF
Sono Emidio Paci e vivo tra le Marche e l’Abruzzo, da sempre sono appassionato di motori e da sempre seguo il mondo automotive, di cui posso dire di essere esperto. Sono un istruttore di guida sicura, la forma mentis che mi deriva dalla frequentazione dei corsi per diventare istruttore, mi permette di poter recensire un'auto, partendo proprio dalla dinamica di guida. Ho frequentato il corso per collaudatore di auto, presso la Driving Experience Academy di Loris Bicocchi e Davide Cironi proprio per affinare le mie conoscenze e per migliorarmi. Ho un attestato di e-mobility. Nel mio sito personale: www.tuttoautomotive.it metto a disposizione del lettore, tutta l’esperienza che ho acquisito negli anni, per offrire un viaggio completo nel mondo delle auto, attraverso un linguaggio semplice, chiaro e adatto a tutti, ma di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui