Test Nissan Ariya

Nissan Ariya, il primo crossover coupé 100% elettrico della Casa giapponese, si presenta al mercato, con alle spalle, 200.000 km di test in tre anni. I 500 tecnici specializzati, che hanno partecipato attivamente al progetto Ariya, nel centro prove di Tochigi in Giappone, hanno raccolto 5.000 dati prestazionali. La Nissan, è pienamente inserita nel mondo della mobilità elettrica, basti pensare alla Nissan Leaf, che ha raccolto molti consensi negli ultimi 10 anni, così, come l’ultima versione della super venduta Nissan Qashqai, col particolare sistema ibrido, che la rende “quasi” una vettura elettrica. Il know-how c’è e la Nissan Ariya ne ha beneficiato alla grande!

Sicurezza, affidabilità e confort

I tecnici Nissan, hanno fatto centro. La Nissan Ariya, provata in ogni condizione, grazie hai percorsi dedicati, artificialmente creati nel centro prove giapponese, è nata per rispondere alle esigenze di tutti gli utenti ancora scettici nei confronti delle auto elettriche. Infatti, la vettura full electric giapponese è sicura, affidabile e confortevole in ogni situazione di mobilità reale.

Test Nissan Ariya

Nissan Ariya alla frusta

Tracciati impegnativi e dissestati, hanno messo a dura prova la struttura, il propulsore, le sospensioni e i vari equipaggiamenti della vettura. Ariya ne è uscita vincente. I dati raccolti, le permettono a pieno titolo, di essere una vettura totalmente fruibile e quindi, vendibile in tutto il mondo. Insomma viene voglia di farci un pensierino, no? Ma quanto costa?

Nissan Ariya, prezzo

Versione EVOLVE:

  • 63 kW 2WD 218 CV 57.800 euro
  • 87 kW 2WD 242 CV 64.300 euro
  • 87 kW 4WD 306 CV 68.300 euro
Nissan Ariya, crossover sportivo

Conclusioni

La Ariya è bella e costa il giusto, se consideriamo il prezzo attuale delle auto elettriche e la stazza. Parliamo di una vettura a ridosso del segmento D, visto che sfiora i 4,6 metri e ha un baule abbastanza capace (468/1713 litri per le versioni 2WD, un pò meno per la versione 4WD, con 415 litri). L’autonomia, per la versione base, si attesta sui 400 km. Buoni i dati per la ricarica. Il caricabatterie interno, permette ricariche in corrente alternata trifase a 22 kW di potenza. La ricarica veloce in corrente continua è a 130 kW di potenza max.

La versione base ha una velocità max di 160 km/h e copre lo 0/100 km/h in soli 7,5 secondi.

Non ci rimane che provarla!…

Articolo precedenteDR 4.0, vendite record!
Articolo successivoCUPRA, fenomeno da analizzare
Sono Emidio Paci e vivo tra le Marche e l’Abruzzo, da sempre sono appassionato di motori e da sempre seguo il mondo automotive, di cui posso dire di essere esperto. Sono un istruttore di guida sicura, la forma mentis che mi deriva dalla frequentazione dei corsi per diventare istruttore, mi permette di poter recensire un'auto, partendo proprio dalla dinamica di guida. Ho frequentato il corso per collaudatore di auto, presso la Driving Experience Academy di Loris Bicocchi e Davide Cironi proprio per affinare le mie conoscenze e per migliorarmi. Ho un attestato di e-mobility. Nel mio sito personale: www.tuttoautomotive.it metto a disposizione del lettore, tutta l’esperienza che ho acquisito negli anni, per offrire un viaggio completo nel mondo delle auto, attraverso un linguaggio semplice, chiaro e adatto a tutti, ma di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui