Jeep Avenger

Il nome della nuova Jeep Avenger 2023 è tutto un programma! Tradotto dall’inglese, Avenger sta per vendicatrice, ma in realtà non vendica proprio nulla, ma fa registrare diversi primati. È la prima Jeep elettrica, anche se è prevista una versione turbo benzina, è la Jeep più piccola, mai realizzata, infatti misura poco più di 4 metri (408 cm, 16 in meno della Jeep Ranegade), tipo una Dacia Sandero per intenderci ed è la prima Jeep, disegnata, progettata e costruita in Europa. Il baule ha un’ottima capacità di 380 litri!

Esattamente, viene assemblata in Polonia, nello stabilimento Stellantis in cui veniva assemblata la Fiat 500 fin dal 2007. La “matita” è italiana e il disegnatore, risponde al nome di Daniele Calonaci. La Jeep Avenger arriverà sul mercato nella primavera 2023!

Cockpit Jeep Avenger elettrica

Jeep Avenger, non solo elettrica

La baby SUV, si presenta sul mercato con una versione endotermica a benzina ed una full electric. La prima sarà equipaggiata col noto motore PureTech 1.200 turbo 3 cilindri, da 100 CV di potenza, lo stesso montato sulla Peugeot 208. La versione elettrica, invece, sarà equipaggiata con un motore elettrico, con architettura a 400 Volt, marchiato Emotors, una joint venture tra Stellantis e Nidec Leroy-Somer Holding.

Caratteristiche della Jeep Avenger elettrica

La piattaforma su cui è costruita è la eCMP2, comune ad altre vetture elettriche del gruppo, vedi Peugeot, DS, Opel. La potenza del motore è di 156 CV con 260 N m di coppia motrice, non male. Velocità massima 150 km/h e lo 0/100 km/h, viene coperto in 9 secondi. Il pacco batterie al litio ha una capacità di 56 kWh lordi (51 netti). L’autonomia si attesta sui 400 km scarsi nel ciclo WLTP e su 550 km in un contesto solo urbano. Ottimo direi!

La capacità della batteria è superiore a quella delle sorelle di cui sopra, grazie alla conformazione della Jeep Avenger e alla piattaforma migliorata, che permette una disposizione dell’accumulatore, ad “H”, nel sottoscocca, sotto ai sedili anteriori e posteriori, senza sporgenze verso il basso. Tra l’altro la batteria è adeguatamente protetta dagli urti.

La ricarica può essere effettuata, sia in corrente continua (mode 4), alla potenza massima di 100 kW, sia in corrente alternata (mode 3), alla potenza massima di 11 kW.

Trazione anteriore e 6 modalità di guida

Il nome Jeep è da sempre associato al fuoristrada. Questo piccolo SUV, non tradisce la natura del marchio, infatti, grazie ad un angolo di attacco di 20°, a quello di uscita di 32° ed a quello di dosso di 20°, non ha paura del fuoristrada.

Jeep Avenger 2023

Le modalità di guida, grazie al Selec-Terrain, che è lo stesso che abbiamo imparato a conoscere nella Peugeot 2008, sono 6:

  • Normal, per tutti i giorni
  • Eco, per risparmiare carburante
  • Sport, per esaltare le prestazioni ed il piacere di guida
  • Snow, per avere la massima trazione sui fondi innevati
  • Mud, per ottimizzare la trazione, quando si guida nel fango
  • Sand, per evitare di rimanere insabbiati

Non manca proprio nulla!…

Conclusioni

La Jeep Avenger, mi piace! Discreta abitabilità, ottima capacità di carico, autonomia giusta, fuoristrada garantito e sicuro, anche se con la sola trazione anteriore, per il momento. La linea non è niente male ed i prezzi, almeno quelli della versione endotermica, che verrà venduta a partire da 21.800 euro, sono accessibili e in linea con quanto offerto dalla vettura. La versione elettrica, verrà venduta a partire da 35.400 euro, al netto di incentivi statali, che speriamo siano importanti.

Articolo precedente500 Abarth elettrica, ha senso?
Articolo successivoSUV Ferrari, rivoluzione Purosangue!
Sono Emidio Paci e vivo tra le Marche e l’Abruzzo, da sempre sono appassionato di motori e da sempre seguo il mondo automotive, di cui posso dire di essere esperto. Sono un istruttore di guida sicura, la forma mentis che mi deriva dalla frequentazione dei corsi per diventare istruttore, mi permette di poter recensire un'auto, partendo proprio dalla dinamica di guida. Ho frequentato il corso per collaudatore di auto, presso la Driving Experience Academy di Loris Bicocchi e Davide Cironi proprio per affinare le mie conoscenze e per migliorarmi. Ho un attestato di e-mobility. Nel mio sito personale: www.tuttoautomotive.it metto a disposizione del lettore, tutta l’esperienza che ho acquisito negli anni, per offrire un viaggio completo nel mondo delle auto, attraverso un linguaggio semplice, chiaro e adatto a tutti, ma di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui