Mercedes EQB, spaziosa, tecnologica e sicura

Continua incessantemente lo sviluppo dei modelli EQ, ovvero delle vetture elettriche Mercedes. L’EQB si posiziona tra la EQA e la EQC e viene proposta ad un prezzo base di 57.670 euro.

È una Mercedes a tutti gli effetti la EQB e lo dimostra con soluzioni tecnologiche all’avanguardia. Lo spazio non manca ed è possibile ospitare fino a sette persone. La silenziosità, l’assenza di vibrazioni, le prestazioni e la preclimatizzazione la portano nell’Olimpo delle auto. D’altra parte è una Mercedes!

Quattro versioni

La Mercedes EQB, è il modello della casa di Stoccarda, completamente elettrico. In Italia sarà disponibile in quattro versioni: SPORT e SPORT PLUS caratterizzate da uno stile Progressive e, ad un livello ancora superiore, PREMIUM e PREMIUM PLUS, con un look segnato dall’inconfondibile AMG Line.

Non mancheranno le personalizzazioni attraverso i pacchetti, Electric Art e Night, che potranno integrare il pacchetto base TECH, di serie sulle versioni SPORT e PREMIUM. Il pacchetto PRESTIGE, di serie per le versioni SPORT PLUS e PREMIUM PLUS, si basa sul pacchetto TECH, migliorando ulteriormente il comfort. Comprende, infatti, il pacchetto Comfort KEYLESS-GO, i sedili anteriori riscaldabili elettricamente, un potente Sound System e il sistema di ricarica wireless per smartphone.

Cockpit Mercedes EQB

Mercedes EQB: massima cura, anche nell’aerodinamica

Con un Cx che parte da 0,28, EQB dimostra di avere ottime proprietà aerodinamiche. Il risultato è stato ottenuto grazie alla combinazione di uno studio in modalità digitale e di misurazioni finali effettuate in galleria del vento, che hanno confermato la bontà delle simulazioni numeriche.

Grazie al fatto che la Mercedes EQB è una vettura elettrica che nasce elettrica, non come la EQC per intenderci, che non nasce da un foglio bianco, gli ingegneri della Mercedes, hanno potuto sbizzarrirsi con una serie di soluzioni aerodinamiche, che solo la realizzazione di un veicolo elettrico permettono.

Gli interventi aerodinamici in sintesi:

  • Configurazione aerodinamica della grembialatura anteriore e posteriore. 
  • Spoiler delle ruote anteriori con elementi cuneiformi, spoiler delle ruote posteriori. 
  • Regolazione dell’aria di raffreddamento nella sezione inferiore della grembialatura anteriore, apertura superiore per l’aria di raffreddamento chiusa con superficie liscia. 
  • Zona del radiatore resa più ermetica per sfruttare in modo efficiente l’aria di raffreddamento. 
  • Guarnizioni perimetrali dei fari. 
  • Retrovisori esterni ottimizzati sotto il profilo aerodinamico e aeroacustico. 
  • Ampio spoiler sul tetto, spoiler laterali e spoilerini nelle luci posteriori. 
  • Sistema ottimizzato di rivestimento del sottoscocca con ampie sezioni che rivestono: vano motore, sezione principale del pianale, asse posteriore, diffusore e braccio trasversale oscillante.
  • Ulteriore rivestimento dietro la batteria, per migliorare l’aerodinamica sull’asse posteriore nonostante il passo più lungo di EQB.
  • Pneumatici e cerchi ottimizzati dal punto di vista aerodinamico (molte superfici chiuse, curvatura non eccessiva, aperture nell’area interna) per tutte le dimensioni.
Mercedes EQB

Caratteristiche tecniche e dati tecnici

La Mercedes EQB 300 4MATIC con 168 kW ed EQB 350 4MATIC da 215 kW, saranno le prime versioni ad arrivare sul mercato. L’autonomia a norma WLTP è pari a 423 chilometri rispettivamente. Seguiranno altre versioni per soddisfare esigenze specifiche dei clienti, tra cui una che vanta un’autonomia particolarmente ampia. In futuro ci sarà anche una versione con la trazione anteriore.

Nelle versioni di lancio 4MATIC, ovvero con la trazione integrale, i motori saranno due. Uno asincrono, montato sull’asse anteriore ed uno sincrono, più efficiente, montato sull’asse posteriore. Infatti per contenere i consumi di energia, la trazione sarà affidata maggiormente al motore sincrono posteriore. Molte le differenze anche in questo caso, con la sorella maggiore EQC, che si affida a due motori asincroni e alla predominanza della trazione anteriore.

Questo dimostra come la Mercedes, abbia intenzione di sfruttare i progetti delle vetture elettriche nuove, che partono da un foglio bianco, per ottenere il massimo dell’efficienza. In un’auto elettrica l’efficienza è fondamentale e non va ricercata solo nei motori e nell’aerodinamica, ma anche nel recupero dell’energia in frenata e nella gestione termica, che nella EQB è intelligente!

Dati tecnici:

  EQB 300 4MATICEQB 350 4MATIC
Trazione integrale
Motori elettrici asse anteriore/posterioreTipoMotore asincrono (ASM)/ motore sincrono ad eccitazione permanente (PSM)
Potenza (di picco)kW/CV168/228215/292
Coppia (di picco)Nm390520
Accelerazione 0-100 km/hs8,06,2
Velocità max[1]km/h160
Contenuto di energia di accumulatore, utilizzabile (NEDC)kWh66,5
Consumo combinato (NEDC)kWh/100 km16,216,2
Autonomia (WLTP)km423423
Tempo di ricarica CA[2]h6:256:25
Tempo di ricarica CC[3] a una stazione di ricarica rapidamin3232
Ricarica DC: Intervallo dopo 15 minuti (WLTP)[4]kmFino a circa 150Fino a circa 150

[1] Limitata elettronicamente

[2] I tempi indicati si riferiscono a una ricarica completa dal 10 al 100% a una wallbox o a una stazione di ricarica pubblica (collegamento CA di almeno 11 kW, 16 A per fase).

[3] I tempi indicati si riferiscono a una ricarica completa dal 10 all’80% a una stazione di ricarica rapida in CC con tensione di alimentazione di 400 V e corrente minima di 300 A

[4] Su colonne di ricarica rapida DC con 500 ampere basate sulla gamma WLTP

Batteria e gestione termica intelligente

La Mercedes EQB monta una batteria agli ioni di litio con densità energetica elevata. La potente batteria ad alto voltaggio ha una tensione massima di 420 V e una capacità nominale di circa 190 Ah, con un contenuto di energia utile di 66,5 kWh.

La batteria comprende cinque moduli ed è posizionata al di sotto della cabina degli occupanti, al centro della vettura. Un alloggiamento in alluminio, insieme alla struttura della carrozzeria, protegge questo componente in caso di urti inferiori o colpi di pietrisco. Il corpo della batteria è inserito nella struttura dell’auto, quindi è integrato nel sistema di sicurezza complessivo.

La batteria fa parte della gestione termica intelligente di EQB. Per mantenerla quanto più a lungo possibile nell’intervallo di temperatura ottimale, all’occorrenza viene raffreddata o riscaldata attraverso una piastra posta sotto la batteria e attraversata dal liquido di raffreddamento. 

Se è attivata la navigazione con Electric Intelligence, la batteria viene eventualmente preriscaldata o raffreddata anche durante la guida, così da trovarsi alla temperatura ideale quando si raggiunge una stazione di ricarica rapida: infatti, se si giunge con la batteria fredda, gran parte della potenza di ricarica viene inizialmente utilizzata per riscaldarla. In questo modo, quindi, si ottimizza il tempo di ricarica complessivo e si riduce notevolmente la sosta.

Batteria garantita 8 anni!

La batteria della Mercedes EQB è garantita ben 8 anni o 160.000 chilometri. La copertura è valida sia per i guasti che per la perdita di capacità.

Gestione della ricarica

La Mercedes EQB può essere ricaricato sia in AC (corrente alternata) fino a 11 kW di potenza, attraverso un connettore di tipo 2 Mennekes, che in DC (corrente continua) fino a 100 kW di potenza, grazie alla presa CCS COMBO 2 di serie (standard europeo).

Per la ricarica domestica, a richiesta si può avere la Wallbox dedicata, che riduce notevolmente i tempi di ricarica.

Mercedes EQB presso una colonnina di ricarica fast

Mercedes me Charge

Grazie a Mercedes me Charge i clienti di Mercedes-EQ hanno accesso a stazioni di ricarica di diversi fornitori e possono usufruire di una funzione di pagamento integrata con addebito unico. Con Mercedes me Charge i clienti possono ricaricare in modo ecologico presso più di 200.000 punti di ricarica pubblici in Europa, mentre Mercedes-Benz si preoccupa della successiva compensazione con energia elettrica “green”. Con EQB, Mercedes me Charge è incluso per un anno.

Guida previdente per una maggiore autonomia

In tutte le auto elettriche, il sistema di recupero dell’energia o frenata rigenerativa che dir si voglia è importantissimo. Nella Mercedes EQB è intelligente!

Abbiamo la possibilità di regolarlo manualmente, grazie ai paddle dietro al volante, come è possibile avere una gestione automatica del recupero dell’energia, all’insegna dell’efficienza massima.

Sono disponibili i seguenti livelli di recupero: DAuto (recupero di energia ottimizzato in base alla situazione mediante sistema di assistenza ECO), D+ (sailing, ovvero veleggiamento in rilascio), D (recupero di energia basso) e D- (recupero di energia medio). Se si seleziona la funzione DAuto, questa modalità viene mantenuta anche all’avvio successivo. Per arrestare la vettura il guidatore deve come sempre azionare il freno, qualunque sia il livello di recupero impostato. Quindi la funzione e-pedal non c’è.

Come funziona l’impostazione ECO

Il sistema di assistenza ECO suggerisce al guidatore quando togliere il piede dal pedale dell’acceleratore, perché magari si sta avvicinando a un limite di velocità, e lo aiuta con la funzione sailing (fase di rilascio) e con la gestione in questo periodo mirata del recupero di energia. A questo scopo vengono utilizzati i dati cartografici, il riconoscimento dei segnali stradali e le informazioni dei sistemi di assistenza di sicurezza intelligenti (radar e telecamera stereoscopica).

Per decidere se viaggiare in modalità sailing (funzione di rilascio) con la minore resistenza all’avanzamento possibile oppure se recuperare l’energia, il sistema di assistenza ECO valuta in anticipo la situazione di guida. Lo fa considerando avvallamenti o salite oppure i limiti di velocità antistanti, che il sistema individua sulla base dei dati cartografici. Nelle sue raccomandazioni di guida e nella sua strategia d’efficienza, il sistema considera l’andamento del percorso (curve, incroci, rotatorie, pendenze), limiti di velocità e distanza dai veicoli che precedono.

Entro i suoi stessi limiti, il sistema di assistenza ECO regola il rilascio in base alla situazione non appena il guidatore toglie il piede dal pedale dell’acceleratore. Le raccomandazioni di guida vengono comunicate al guidatore anche visivamente, visualizzando sul display multimediale (oppure, se presente, sul display head-up) il simbolo di un piede che si stacca dal pedale. Contemporaneamente viene mostrato al guidatore anche il motivo della raccomandazione (ad esempio «Incrocio avanti», «Discesa avanti»).

Non ci rimane che provarla!

Articolo precedenteF1, Imola 2022: dominio Red Bull e disastro Ferrari
Articolo successivoTrazione anteriore o posteriore
Sono Emidio Paci e vivo tra le Marche e l’Abruzzo, da sempre sono appassionato di motori e da sempre seguo il mondo automotive, di cui posso dire di essere esperto. Sono un istruttore di guida sicura, la forma mentis che mi deriva dalla frequentazione dei corsi per diventare istruttore, mi permette di poter recensire un'auto, partendo proprio dalla dinamica di guida. Ho frequentato il corso per collaudatore di auto, presso la Driving Experience Academy di Loris Bicocchi e Davide Cironi proprio per affinare le mie conoscenze e per migliorarmi. Ho un attestato di e-mobility. Nel mio sito personale: www.tuttoautomotive.it metto a disposizione del lettore, tutta l’esperienza che ho acquisito negli anni, per offrire un viaggio completo nel mondo delle auto, attraverso un linguaggio semplice, chiaro e adatto a tutti, ma di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui