Primo posto per Verstappen e seconda posizione per Perez, insomma doppietta Red Bull al Gran Premio di F1 di Imola 2022. Max Verstappen ha ottenuto il massimo punteggio a disposizione. Ieri, 8 punti, vincendo la gara sprint ed oggi 26 punti grazie al punto addizionale per il giro veloce in gara.

Leclerc 6° e Sainz fuori al primo giro. Il sette volte campione del mondo solo 14° e ancora una volta dietro al bravo compagno di squadra Russell, che conquista la quarta posizione. Ottimo Norris che ottiene il suo sesto podio in carriera, arrivando 3° davanti alla barriera a scacchi.

Leclerc parte male e Sainz viene tamponato

Il GP di F1 di Imola 2022 è partito bagnato e finito asciutto! In partenza Leclerc con la sua Ferrari parte male e perde posizioni, Sainz dopo poche curve viene tamponato da Ricciardo e si pianta nella ghiaia, gara subito finita per lui.

Verstappen perfetto dall’inizio alla fine

Max Verstappen non sbaglia niente e tiene la testa della corsa dall’inizio alla fine senza farsi impensierire nemmeno dal suo compagno di squadra Perez, che disputa un’ottima gara facendo da scudiero a Verstappen. Leclerc dalla terza posizione non riuscirà mai a superare Perez, anche a causa di un pit stop non proprio veloce. Poi l’errore fatale del pilota monegasco, che esagera salendo con troppa cattiveria su un cordolo, perdendo il controllo della vettura e girandosi, urtando lievemente contro le barriere in gomma. Riesce a ripartire senza apparenti danni alla macchina, ma comunque rientra ai box per sostituire per l’ultima volta le gomme e il musetto. Rientrerà indietro, ma ruiscirà a rimontare fino alla sesta posizione per limitare i danni. Rimane leader del mondiale piloti e la Ferrari leader del mondiale costruttori, anche se di pochi punti.

Leclerc contro le barriere

Discutibile la decisione della direzione gara

Nel circuito di Imola i sorpassi non sono facili ed il porpoising come in Australia non è mancato, ma a complicare la situazione ci si è messa una decisione quanto meno discutibile della direzione gara, che ha ritardato troppo ad autorizzare l’uso del DRS, penalizzando di fatto alcuni piloti, come Leclerc ad esempio e lo spettacolo. Ha senso girare tranquillamente con le gomme slick, ma non permettere l’uso del DRS? Non mancheranno le polemiche, anche perché questa decisione, ha favorito il campione del mondo in carica e la Red Bull.

Articolo precedenteLa nuova Honda Civic Type R è da record!
Articolo successivoMercedes EQB: spaziosa, tecnologica e piacevole da guidare
Sono Emidio Paci e vivo tra le Marche e l’Abruzzo, da sempre sono appassionato di motori e da sempre seguo il mondo automotive, di cui posso dire di essere esperto. Sono un istruttore di guida sicura, la forma mentis che mi deriva dalla frequentazione dei corsi per diventare istruttore, mi permette di poter recensire un'auto, partendo proprio dalla dinamica di guida. Ho frequentato il corso per collaudatore di auto, presso la Driving Experience Academy di Loris Bicocchi e Davide Cironi proprio per affinare le mie conoscenze e per migliorarmi. Ho un attestato di e-mobility. Nel mio sito personale: www.tuttoautomotive.it metto a disposizione del lettore, tutta l’esperienza che ho acquisito negli anni, per offrire un viaggio completo nel mondo delle auto, attraverso un linguaggio semplice, chiaro e adatto a tutti, ma di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui