Ed ecco che spuntano gli incentivi auto e moto per il 2022! La pandemia e la guerra in Ucrain hanno messo in ginocchio il settore automotive e non solo. Inoltre c’è una transizione ecologica da affrontare. Il potere d’acquisto degli italiani si è abbassato ed il prezzo delle auto ecologiche è troppo alto (leggi anche…).

Il governo ha deciso di mettere in campo una misura pluriennale, che prevede lo stanziamento di 650 milioni di euro all’anno per il triennio 2022, 2023 e 2024. La dotazione finanziaria per il Fondo automotive fino al 2030 è pari a 8,7 miliardi di euro!

La misura del governo nel dettaglio

Fonte: Ministero dello sviluppo economico

Il ministro Giorgetti definisce indispensabile il ricorso agli incentivi, per l’acquisto delle auto e delle moto ecologiche. La pluriennalità, permetterà alle aziende di pianificare meglio il lavoro e gli investimenti.

Di seguito il comunicato del Ministero dello sviluppo economico.

Fascia di emissioni 0/20 g/km di CO2 (elettriche)

Per l’acquisto di nuovi veicoli di categoria M1, con un prezzo fino a 35 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 3 mila euro, a cui potranno aggiungersi ulteriori 2 mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5.
Questa categoria di ecobonus è finanziata con 220 milioni nel 2022, 230 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024.

Fascia di emissione 21/60 g/km di CO2 (ibride plug-in)

Per l’acquisto di nuovi veicoli di categoria M1, con un prezzo fino a 45 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2 mila euro a cui potranno aggiungersi ulteriori 2 mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5.
Questa categoria di ecobonus è finanziata con 225 milioni nel 2022, 235 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024.

Fascia di emissione 61/135 g/km di CO2 (endotermiche a basse emissioni)

Per l’acquisto di nuovi veicoli di categoria M1, con un prezzo fino a 35 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2 mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5.
Questa categoria di ecobonus è finanziata con 170 milioni nel 2022, 150 milioni nel 2023 e 120 milioni nel 2024.

Gli incentivi non sono per tutti

I suddetti incentivi sono solo per le persone fisiche e solo una piccola parte saranno riservati alle società di car sharing che acquisteranno veicoli elettrici o ibridi.

Per le piccole e medie imprese, comprese le persone giuridiche, esercenti attività di trasporto di cose in conto proprio o in conto terzi sono inoltre previsti contributi per l’acquisto di veicoli commerciali di categoria N1 e N2, nuovi di fabbrica, ad alimentazione esclusivamente elettrica. L’incentivo viene concesso con la contestuale rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 4.

E’ pertanto riconosciuto un contributo di 4.000 euro per i veicoli N1 fino a 1,5 tonnellate, di 6.000 euro per i veicoli N1 superiori a 1,5 tonnellate e fino a 3,5 tonnellate, di 12.000 euro per i veicoli N2 da 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate. Per i veicoli N2 superiori a 7 tonnellate e fino a 12 tonnellate è riconosciuto un contributo di 14.000 euro.

Questa categoria di ecobonus è finanziata con 10 milioni nel 2022, 15 milioni nel 2023 e 20 milioni nel 2024.

Incentivi per ciclomotori e motocicli elettrici e ibridi

Anche le due ruote rientrano nel piano di incentivazione all’acquisto di veicoli ecologici. Le categorie interessate sono le seguentti: L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e.

Un contributo del 30% del prezzo di acquisto fino al massimo 3 mila euro e del 40% fino a 4.000 mila euro se viene rottamata una moto in una classe da Euro 0 a 3.

Questo ecobonus è finanziato con 15 milioni di euro per gli anni 2022, 2023 e 2024.

Incentivi anche per i ciclomotori e motocicli termici!

Anche chi acquisterà un veicolo a due ruote, con trazione termica, potrà benefiiciare degli incentivi. Anche in questo caso le categorie sono le seguenti: L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e.

Dovranno essere nuovi di fabbrica e a fronte di uno sconto del venditore del 5%, ci sarà da parte dello stato, un contributo del 40% del prezzo d’acquisto e fino a 2.500 euro con rottamazione

Questa categoria di ecobonus è finanziata con 10 milioni nel 2022, 5 milioni nel 2023 e 5 milioni nel 2024.

Da quando saranno attivi gli incentivi 2022?

Il provvedimento entrerà in vigore dopo la registrazione della Corte dei conti e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Presumibilmente, quindi, dal mese di Maggio 2022.

Articolo precedenteF1, Australia 2022. Tra Ferrari trionfante e porpoising!
Articolo successivoLa nuova Honda Civic Type R è da record!
Sono Emidio Paci e vivo tra le Marche e l’Abruzzo, da sempre sono appassionato di motori e da sempre seguo il mondo automotive, di cui posso dire di essere esperto. Sono un istruttore di guida sicura, la forma mentis che mi deriva dalla frequentazione dei corsi per diventare istruttore, mi permette di poter recensire un'auto, partendo proprio dalla dinamica di guida. Ho frequentato il corso per collaudatore di auto, presso la Driving Experience Academy di Loris Bicocchi e Davide Cironi proprio per affinare le mie conoscenze e per migliorarmi. Ho un attestato di e-mobility. Nel mio sito personale: www.tuttoautomotive.it metto a disposizione del lettore, tutta l’esperienza che ho acquisito negli anni, per offrire un viaggio completo nel mondo delle auto, attraverso un linguaggio semplice, chiaro e adatto a tutti, ma di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui