Panoramica

La vettura che ho provato, aveva all’attivo 7.200 Km, le gomme montate erano delle ottime Continental Ecocontact 6 della misura 205/60 R 16 92 H. L’auto aveva l’allestimento Confort, ma arricchito da tantissimi optional, tant’è che si può definire tranquillamente full optional! Cerchi in lega da 16 pollici, climatizzatore automatico monozona, cruise control, Keyless entry, touch screen da 8 pollici con navigatore integrato e computer di bordo da 3,5 pollici, retrocamera posteriore e sensori di parcheggio anteriori e posteriori, vernice metallizzata, fari a led, bracciolo anteriore centrale, vetri elettrici posteriori, specchietti elettrici anti angolo cieco, luci e tergi cristalli automatici, start & stop e freno di stazionamento elettrico. Prezzo 14.300 euro + accessori!!!

Infotainment

La Dacia Sandero Stepway che ho provato, aveva un allestimento molto ricco, tant’è che è stata una bella sorpresa… Il sistema infotainment è completo e si comanda attraverso uno schermo/tablet da 8 pollici, chiaro, facile e intuitivo, dotato di un touch screen che esegue i comandi velocemente, grazie alla velocità del sistema ed all’ottima sensibilità al tocco. Lo schermo/tablet accoglie anche l’immagine fornita dalla retrocamera, che aiuta molto in manovra, anche se l’immagine risulta leggermente deformata. I sensori di parcheggio fanno il resto. Buono anche il computer di bordo, ricavato all’interno del quadro strumenti, che è chiaro e facile da usare, grazie anche ai comandi al volante, che accoglie oltre alle info sui consumi, distanza percorsa ecc. ecc. anche il livello dei 2 serbatoi (G.P.L. e benzina) e temperatura del liquido di raffreddamento del motore. Molto utile l’accesso senza chiave, che sblocca le portiere quando ci avviciniamo all’auto e le blocca quando ci allontaniamo, semplicemente portando con se il telecomando, che ho trovato troppo ingombrante. L’avviamento/spegnimento del motore, chiaramente è a pulsante.

Infotainment Dacia Sandero Stepway Comfort G.p.l.

Ergonomia

Tra le cose che mi hanno impressionato di più, quando ho ritirato l’auto per il test drive, è la bellezza dell’auto, sia all’esterno che all’interno. Il cruscotto seppure in plastica rigida è ben assemblato e non provoca scricchiolii, né in marcia sullo sconnesso né da fermi, se lo tocchiamo in qualsiasi punto ed inoltre è impreziosito da una striscia in tessuto morbido che l’attraversa. Lo stesso vale per il rivestimento delle portiere, plastica rigida ben assemblata e striscia in tessuto morbido dello stesso motivo di quella del cruscotto.

I sedili sono molto belli ed il tessuto utilizzato è molto gradevole al tatto e ha l’aria di essere robusto; l’imbottitura è giusta e fornisce sia comodità che ergonomia, anche grazie alla forma dei sedili, che è contenitiva, il che non guasta quando si affrontano le curve. Ottimi gli appoggiatesta! La regolazione è manuale e quella dello schienale a leva. Non ho notato disallineamenti tra volante, sedile e pedaliera, infatti ritagliarsi la posizione di guida corretta, non è difficile, grazie anche al sedile che è regolabile in altezza ed al volante che dispone sia della regolazione in profondità che di quella in altezza. Manca la regolazione in altezza delle cinture di sicurezza. La leva del cambio, l’ho trovata un pò troppo posizionata in avanti. Tutti i comandi sono ben visibili e ben posizionati, tranne il pulsante/deviatore per passare da G.P.L. a benzina e viceversa che è nascosto sotto la parte sx del volante e i comandi audio solidali col volante che non si vedono. Bene gli altri comandi posizionati invece, sulle razze del volante. Buono l’appoggio per il piede sinistro.

Il divano posteriore è anch’esso ben rifinito ed accoglie gli occupanti senza problemi per le gambe e per la testa, anche se di statura alta. Il bagagliaio ha una soglia di carico molto alta, ma si fa’ perdonare con una capacità di carico di tutto rispetto: 320 litri!!!!

Dimensioni Dacia Sandero Stepway 1.0 TCe ECO-G:

Lunghezza 4,10 metri Larghezza 1,85 metri Altezza 1,59 metri

Motore e Prestazioni

CilindrataN. CilindriAlimentazionePotenzaCoppiaTrazionePesoN. PostiVelocità maxAccelerazione 0-100 Km/hConsumiEmissioni Co2
999 Cm33G.P.L./Benzina101 cv/74 Kw a 5.000 giri170 Nm a 2.000 giriAnteriore1.040 Kg5177 Km/h11,9 secondi13,5 Km/l105 g/Km
Scheda tecnica Dacia Sandero Stepway 1.0 Tce ECO-G

Il motore è un mille 3 cilindri turbo da 101 cv, architettura quella del tre cilindri ormai presente in ogni listino, anche dei marchi premium. Mi ha sorpreso favorevolmente, in quanto silenzioso e soprattutto privo di vibrazioni a qualunque regime; ottimo! Le prestazioni del motore sono di tutto rispetto, ma devo annotare un turbo lag abbastanza evidente al di sotto dei 2.000 giri, ridotto però dai primi tre rapporti del cambio corti.

E’ una turbina “vecchia scuola”, ovvero si manifesta al di sopra dei 2.000 giri, senza filtri e tutto d’un fiato, attaccando gli occupanti al sedile, senza esitazione fino al regime massimo di rotazione del motore.

Basta abituarcisi e si riesce a gestire al meglio la “cattiveria” del motore. Le ultime tre marce sono piuttosto lunghe e personalmente avrei preferito una quinta marcia più corta per favorire i sorpassi in autostrada sulle salite impegnative. Le prestazioni del motore che sia alimentato a gas o a benzina, sono le stesse, io non ho notato differenze.

Un’altra nota positiva di questo 3 cilindri di derivazione Renault, è che il freno motore è soddisfacente (come saprete, meno sono i cilindri più sarà inferiore il freno motore, per via dei minori attriti, che sono quelli che fanno poi risparmiare il carburante).

I consumi che ho rilevato viaggiando a G.P.L. sono di circa 8,5 litri/100 Km, ovvero circa 11,5 Km/l; non male considerando che un litro di G.P.L. costa mediamente 0,70 euro. Il climatizzatore, toglie tanta energia al motore, e le prestazioni ed i consumi ne risentono…

Motore 1.0 TCe G.P.L. Dacia Sandero Stepway

Volante/Cambio/Freni/Sospensioni

Il volante della Dacia Sandero Stepway 1.0 TCe ECO-G ha l’assistenza elettrica ed è molto leggero in manovra, ma si indurisce progressivamente con l’ aumentare dell’andatura, è molto demoltiplicato, ma sufficientemente diretto, tant’è che tra le curve, non è necessario sbracciarsi per girare. Il center point, ovvero il punto morto è ottimale e l’unica nota negativa è un leggero ritardo nel riallineamento, quando facciamo scorrere il volante tra le mani dopo un tornante ad esempio. Il raggio di sterzata è ridotto e le manovre si fanno in modo agevole.

Il cambio manuale a 6 marce è l’unica nota dolente del pacchetto, perché ha il pregio di avere la leva molto leggera, che non affatica anche nell’uso urbano, ma la leva ha troppo gioco e gli innesti a volte sono ruvidi. Bene la manovrabilità nel passaggio 5°- 6° rapporto e viceversa, bene l’inserimento della retro con comando a siringa.

Tutto sommato però, il cambio è promosso ed adeguato alla funzione che deve svolgere un veicolo del segmento B, che ha un prezzo di listino molto invitante.

I freni, sono a disco davanti e a tamburo dietro e funzionano perfettamente! Il pedale ha la giusta sensibilità e corsa e permette una buona modulazione della frenata, che quando occorre sa anche essere potente.

Quando ho iniziato a guidare la Dacia Sandero Stepway, temevo che il baricentro alto, mortificasse la tenuta di strada e la stabilità in curva e in frenata quindi, invece ho avuto una gradita sorpresa, ovvero, il rollio in curva anche alle andature elevate è contenuto, così anche il beccheggio nelle frenate più impegnative. Il retrotreno, in rilascio in curva non si scompone mai, così, come l’avantreno che nonostante gli pneumatici a spalla alta, riesce a chiudere sempre la traiettoria, facendo solo stridere un po gli pneumatici quando si esagera.

Per essere pignoli, l’unico appunto che posso fare al comparto sospensioni è quello che nei cambi di direzione veloci, l’avantreno si trova un pò in ritardo, ma nulla di grave… Anche il confort è garantito!

Conclusioni

La Dacia Sandero Stepway 1.0 TCe ECO-G è stata una gradita sorpresa! L’auto è adatta a uomini e donne, single o sposati e strizza l’occhio ai giovani, grazie alla presenza di tanti automatismi e ad un sistema di infotainment di discreto livello. Isomma è un’auto che con poca spesa offre tanto e non può più essere annoverata come in passato, nell’elenco delle vetture low cost, anche se il prezzo rimane competitivo.

Articolo precedenteQuando la ID.3 non basta, c’è la Volkswagen ID.4!
Articolo successivoLA TRANSIZIONE ALL’AUTO ELETTRICA!
Sono Emidio Paci e vivo tra le Marche e l’Abruzzo, da sempre sono appassionato di motori e da sempre seguo il mondo automotive, di cui posso dire di essere esperto. Sono un istruttore di guida sicura, la forma mentis che mi deriva dalla frequentazione dei corsi per diventare istruttore, mi permette di poter recensire un'auto, partendo proprio dalla dinamica di guida. Ho frequentato il corso per collaudatore di auto, presso la Driving Experience Academy di Loris Bicocchi e Davide Cironi proprio per affinare le mie conoscenze e per migliorarmi. Ho un attestato di e-mobility. Nel mio sito personale: www.tuttoautomotive.it metto a disposizione del lettore, tutta l’esperienza che ho acquisito negli anni, per offrire un’esperienza completa nel mondo delle auto, attraverso un linguaggio semplice, chiaro e adatto a tutti, ma di qualità.

2 Commenti

  1. Ottima prova ben documentata ed argomentata. Avevo già apprezzato le doti ed il value for money della Sandero, con questo MY21 lo conferma in toto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui