Della genialità di E-GAP, ne ho già parlato nel mio precedente articolo, che vi invito a leggere( Sei a corto di elettroni? Chiama E-GAP!). Ma l’ azienda continua a stupirci! Stavolta, grazie ad una partnership, che è stata siglata lo scorso 16 Settembre a Milano, con Saba, uno dei principali operatori nel comparto della sosta.

I possessori di auto elettriche potranno usufruire da oggi del servizio di ricarica mobile e on demand di E-GAP nel parking di via Comasina a Milano

Ebbene si, una grande comodità, nel rispetto dell’ ambiente e del territorio, urbanisticamente parlando, perché sappiamo, che uno dei limiti delle auto elettriche è l’ approvvigionamento dell’ energia, ovunque. Quindi ricordo che già E-GAP, ha risolto questo problema, grazie ai suoi mezzi elettrici, che hanno in dotazione un vero e proprio serbatoio di energia elettrica, proprio per effettuare ricariche a domicilio, attraverso un click dallo smartphone, ma la nuova genialata, è che da oggi i clienti della Saba, che parcheggiano la loro auto elettrica, potranno beneficiare del servizio on demand di E-GAP, con il vantaggio per il cliente di ritrovare l’auto con il pieno di energia e per il territorio, in quanto non sarà necessario installare colonnine di ricarica, che sono comunque infrastrutture costose e che ruberebbero spazio al parcheggio. Ma questo è solo l’ inizio, perché il servizio sarà progressivamente esteso ad altri parcheggi della Saba.

Saba

La Saba è uno dei principali operatori industriali di riferimento nello sviluppo di soluzioni nel campo della
mobilità urbana specializzata nella gestione dei parcheggi. Con uno staff di oltre 2.400 persone, il gruppo opera
in numerosi contesti internazionali (Spagna, Italia, Portogallo, Cile, Regno Unito, Germania, Repubblica Ceca,
Slovacchia e Andorra), gestendo un totale di 400 mila posti auto in 1.230 strutture, sia di proprietà che in
concessione. È presente in Italia in 18 città, con la gestione di 24.000 posti auto.

Questo la dice lunga su quello che potrebbe essere il futuro nel nostro paese, se i veicoli elettrici crescessero notevolmente, ovvero, l’ unione tra queste due aziende, Saba e e-GAP, porterebbe alla soluzione definitiva per chi soffre di ansia da autonomia o peggio ancora da ricarica e alla più veloce diffusione della mobilità elettrica.

Quindi come ho scritto nel mio precedente articolo(Sei a corto di elettroni? Chiama E-GAP!), è necessario incentivare queste iniziative, se si vuole davvero che la mobilità elettrica si estenda nel nostro paese.

Articolo precedenteStart&stop? Cosa c’è da sapere sulla batteria…
Articolo successivoSubaru nella sicurezza, fa il pieno di premi!
Sono Emidio Paci e vivo tra le Marche e l’Abruzzo, da sempre sono appassionato di motori e da sempre seguo il mondo automotive, di cui posso dire di essere esperto. Sono un istruttore di guida sicura, la forma mentis che mi deriva dalla frequentazione dei corsi per diventare istruttore, mi permette di poter recensire un'auto, partendo proprio dalla dinamica di guida. Ho frequentato il corso per collaudatore di auto, presso la Driving Experience Academy di Loris Bicocchi e Davide Cironi proprio per affinare le mie conoscenze e per migliorarmi. Ho un attestato di e-mobility. Nel mio sito personale: www.tuttoautomotive.it metto a disposizione del lettore, tutta l’esperienza che ho acquisito negli anni, per offrire un viaggio completo nel mondo delle auto, attraverso un linguaggio semplice, chiaro e adatto a tutti, ma di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui